Medioriente: arriva fino al Sudan il vento della crisi del Golfo

https://www.agi.it/rubriche/medio-oriente/medioriente_arriva_fino_al_sudan_il_vento_della_crisi_del_golfo-1907086/news/2017-06-25/

Beirut – Le spinte destabilizzanti della crisi che oppone Arabia Saudita Qatar hanno uno spettro ancora piu’ ampio del quadro mediorientale, e rischiano di farsi sentire fino alle porte dell’Africa sahariana. Lo scorso 10 giugno Ali al-Haj Mohamed, segretario generale del Popular Congress Party, partito da sempre vicino alla Fratellanza musulmana, durante una sessione dell’Assemblea Nazionale ha criticato in modo netto l’inserimento da parte di Riad di 71 organizzazioni e personalita’ qatarine in una lista di sponsor del terrorismo.

Di fronte all’Assemblea Al Haj Mohamed ha contestato la designazione di Hamas come gruppo terroristico, cosi’ come quella di Yousef al Qaradawi, leader spirituale della Fratellanza, vissuto in Qatar per molto tempo. “Rifiutiamo questa classificazione”, ha detto al Haj Mohamed, “non suoneremo i tamburi di guerra, nonostante i segnali in questa direzione, e confermiamo di essere in contatto permanente con tutte le ambasciate (dei paesi del Golfo, ndr), alle quali diciamo che cio’ che sta accadendo in questi giorni non e’ nell’interesse di nessuno di noi”.
Le parole di al Haj Mohamed riassumono in sostanza la posizione di una parte della Camera bassa sudanese, dominata con l’84% dei seggi dal National Congress Party, a cui capo c’e’ il presidente Omar al Bashir, ma al cui interno e’ forte una componente – abbastanza trasversale – vicina alla Fratellanza musulmana. La crisi diplomatica tra Qatar e GCC sta mettendo a dura prova Khartum, presa nel mezzo da conflitto che vede protagonisti dei Paesi fondamentali per il sostegno economico che le garantiscono.

Con il Qatar, che ha avuto un ruolo preponderante nei tentativi di ricomposizione del conflitto in Darfur, il Sudan ha firmato anche un accordo di cooperazione militare nel 2014. Doha e’ inoltre il primo investitore estero regionale nel Paese africano, preceduto globalmente solo da Cina e Germania. D’altra parte, Egitto, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti figurano tra i primi sei paesi destinatari delle esportazioni sudanesi (greggio, oro e bestiame in particolare) e tra i primi sei anche per quel che riguarda le importazioni di Khartoum. Il Sudan ha bisogno del sostegno economico dei Paesi del Golfo anche perche’ dal 2011, con l’indipendenza del Sud Sudan, ha perso ben il 75% delle sue riserve di petrolio.
Al momento, il Sudan non ha aderito al boicottaggio del Qatar. Lo scorso 6 giugno il governo sudanese si e’ offerto di mediare una riconciliazione in seno al GCC. Il ministro degli Esteri Ibrahim Ghandour ha chiesto nell’occasione ai partner regionali di “lavorare insieme per superare questo conflitto”, senza particolare successo. Gi effetti collaterali della crisi regionale sul Sudan, tuttavia, non sarebbero solo di carattere economico, ma anche politico. E’ utile fare qualche passo indietro.

Dopo la presa del potere da parte di Omar al Bashir nel 1989, il Sudan durante tutti gli anni ’90 intrattiene relazioni con al Qaeda, testimoniate dal rifugio offerto a Osama Bin Laden, che si rifugia a Khartoum nel 1992, dopo essere stato privato della cittadinanza saudita. Sono anche gli anni in cui Khartoum cerca di costruire una relazione strategica con Teheran, tentativo mai davvero riuscito. Dal 1997, per questi motivi, il Sudan e’ oggetto di sanzioni da parte del Dipartimento di Stato americano, che gradualmente spingono il paese africano a prendere le distanze dall’islamismo militante e cooperare maggiormente con la comunita’ internazionale negli sforzi anti-terrorismo, nel tentativo di uscire dall’isolamento.
Con l’inizio del nuovo millennio, il Sudan si avvicina molto ai partner regionali arabi degli Stati Uniti, fino a partecipare, nel 2015, alla campagna militare guidata da Riad in Yemen contro i ribelli Houthi, e subito dopo a troncare le relazioni diplomatiche con Teheran.
Le parole di Al Haj Mohamed vanno inquadrate in un piu’ ampio scenario interno e nascondono un timore concreto: una parte importante dell’arena politica sudanese teme infatti che il Sudan possa andare incontro allo stesso destino del Qatar, perche’ anche Khartoum ha ospitato personalita’ legate alla Fratellanza musulmana – considerata organizzazione terroristica dai Paesi del Golfo – sopratutto a partire dal colpo di stato in Egitto del 2013.

Il Sudan ha in questi anni preso le distanze dall’islamismo militante ma allo stesso tempo lo zoccolo duro dei parlamentari di orientamento islamista – piu’ o meno moderato – e’ fortemente critico nei confronti di Riad e dei provvedimenti presi nei confronti della Fratellanza, e in piu’ occasioni ha chiesto al presidente al Bashir di sostenere Doha nella crisi regionale. Il potere degli islamisti vicini alla Fratellanza, in Sudan, e’ testimoniato da quanto accaduto lo scorso 13 giugno, quando il generale Taha Osman Hussein e’ stato arrestato per corruzione. Hussein era il direttore dell’ufficio di presidenza, ha la cittadinanza saudita ed e’ stato uno degli artefici del riavvicinamento sudanese ai paesi del Golfo.
Se Riad dovesse fare ulteriori pressioni per spingere il Sudan a unirsi alla coalizione anti-Qatar, il presidente al Bashir si troverebbe tra due fuochi: la fedelta’ alle monarchie e la preservazione di buone relazioni con un’arena politica che spinge maggiormente verso un sostegno al Qatar. Come scrive l’analista di Gulf State Analytics, Giorgio Cafiero, la momentanea neutralita’ del Sudan rispetto alla crisi nel GCC e’ una cauta risposta a una delicata fase diplomatica, in cui Khartoum ha in ogni caso molto da perdere.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s