Vietate da sempre, usate da sempre. Storia delle armi chimiche

http://www.agi.it/estero/2017/04/05/news/vietate_da_sempre_usate_da_sempre_storia_delle_armi_chimiche-1655546/

 

Da sempre vietate, da sempre utilizzate: le armi chimiche provocano una morte atroce e distruggono per anni l’ambiente. Nell’immaginario collettivo gli armamenti chimici sembrano uno strumento militare tanto diabolico quanto moderno. In realtà, hanno ormai più di cento anni. L’attacco chimico su Idlib di due giorni fa, preceduto da quello sulla Ghouta, vicino Damasco, nell’agosto 2013, è l’ultimo capitolo di una triste storia che ancora si sta scrivendo, e che affonda le sue radici all’inizio del secolo scorso. In principio fu Ypres, una cittadina fiamminga in Belgio. E’ qui che il 22 aprile 1915, fu realizzato dai tedeschi il primo attacco chimico su vasta scala, nei confronti delle truppe francesi.

Il ‘film dell’orrore’ descritto dal Times nel 1915

Fu il giornale britannico Times, per primo, a diffondere la notizia attraverso i suoi inviati al fronte, che descrissero una scena lugubre, da film dell’orrore: una nube acre, di color verdognolo, accompagnava le urla, via via più flebili, dei soldati francesi, che cadevano al suolo come mosche asfissiate. La scoperta e il collaudo dei primi armamenti chimici si deve ad un chimico tedesco dell’epoca: Fritz Haber, che nel 1918 vinse anche il premio Nobel, per aver appunto sviluppato un metodo per sintetizzare direttamente l’ammoniaca dai suoi elementi costituenti, l’idrogeno e l’azoto, ad alta pressione e temperatura.

Cinque anni dopo l’attacco di Ypres, nel 1920, le tribù arabe e curde si rivoltarono contro l’occupazione britannica dell’attuale Iraq, scaturita dal Trattato di Sevres in seguito al collasso dell’Impero ottomano. Fu Winston Churchill, come Segretario delle Colonie, ad autorizzare a quel punto l’utilizzo di armi chimiche sui ribelli locali. Celebre la sua frase: “Sono a favore dell’uso di gas velenosi contro tribù non civilizzate”.

Qualche anno dopo, tra il 1921 e il 1927, nel Marocco occupato dalla Spagna, le forze franco-spagnole lanciarono bombe all’iprite nel tentativo di spegnere la ribellione guidata dalle tribù berbere. Nel 1921 anche i sovietici utilizzeranno armi chimiche per sedare una rivolta di braccianti a Tambov, nella Russia sud-occidentale.

L’uso del fosgene dell’Italia fascista in Etiopia

Nel 1928 tocca all’Italia fascista, che utilizzò gas asfissianti come il fosgene – o cloruro di carbonile – e bombe di iprite per reprimere i ribelli in Libia. L’iprite fu poi usata anche in Etiopia nel 1935, sul fiume Tacazzè. Sia l’azione franco-spagnola che quella italiana ignorarono la Terza convenzione di Ginevra, un protocollo firmato nel 1925 dalle sedici maggiori nazioni del mondo – gli Stati Uniti lo ratificarono solo nel 1075 – in cui si vietava l’utilizzo di gas tossici. L’ammissione formale italiana sull’impiego di armi chimiche in Etiopia avvenne soltanto nel 1996, durante il governo di Lamberto Dini.

Durante la seconda guerra sino-giapponese (1937-45) e la seconda guerra mondiale le truppe giapponesi agli ordini del generale Shiro Ishii usarono contro i cinesi l’iprite e la lewisite, oltre ad armi batteriologiche che diffusero gravi malattie epidemiche come colera, tifo e dissenteria. Anche il Giappone violò la Convenzione del 1925, di cui era firmataria.

Nell’ambito della ricerca scientifica la guerra chimica deve il proprio “salto di qualità” alla Germania nazista: gli scienziati del Terzo Reich scoprirono infatti agenti chimici devastanti come il soman, il tabun – scoperto da Gerhar Schrader nel 1937 – e il sarin, che sono inodori e incolori, per cui molto difficili da individuare. L’intelligence tedesca, nell’erronea convinzione che i paesi nemici dell’Asse fossero a conoscenza dei loro progressi nella ricerca sulle armi chimiche, non le utilizzarono mai, convinti di andare incontro a dure rappresaglie.

Gli Stati Uniti in Vietnam

Durante gli anni ’60, gli Stati Uniti sperimentarono durante la guerra in Vietnam il BZ (3-chinochidlinile benzilato), un composto inodore e solubile che agisce sul sistema nervoso, compromettendo funzioni come la memoria, il pensiero logico, la comprensione. Secondo alcuni, il BZ fu utilizzato anche dalle Forze armate russe contro i militanti ceceni durante la crisi del Teatro Dubrovka nel 2002.

 Bombardamenti Usa durante la guerra in Vietnam (Afp)

Dopo che nel 1980 le Nazioni Unite iniziarono a lavorare a un programma di disarmo chimico, nel 1984 il presidente americano Ronald Reagan chiese una moratoria internazionale sulle armi chimiche. A ciò fece seguito, nel 1990, la firma – da parte del presidente statunitense G.W. Bush e di quello sovietico, Mikhail Gorbaciov – di un trattato bilaterale sulla cessazione della produzione di agenti chimici e sulla distruzione graduale di quelle già stoccate. Nel 1993 fu firmata la Convenzione delle Armi chimiche, che ebbe effetto a partire dal 1997.

La guerra Iran-Iraq

Un importante sequenza di episodi di utilizzo di armamenti chimici avvenne durante la guerra Iran-Iraq, durata dal 1980 al 1988. All’inizio del conflitto, l’Iraq utilizzò il tabun e l’iprite attraverso bombe lanciate da aerei, di cui secondo le stime rimasero vittime circa 100.000 soldati iraniani. Il gas nervino utilizzato, secondo report ufficiali, uccise 20000 di essi, mentre degli 80000 sopravvissuti, circa 5000 ricevono ancora oggi regolare assistenza medica.

L’atto finale si verificò però a guerra terminata: nel marzo 1988, infatti, l’Iraq utilizzò sarin, iprite e tabun in dosi massicce sul villaggio curdo di Hallabjah, uccidendo circa 5000 civili residenti. Nonostante la rimozione di Saddam nei primi anni del nuovo millennio, in Iran persiste tuttora un forte risentimento nei confronti dell’Occidente, poichè fu grazie a compagnie occidentali basate in Germania, Francia e Stati Uniti che l’Iraq potè sviluppare e usare armi chimiche.

 L’esplosione di una bomba al fosforo bianco in una foto d’archivio (Afp)

Un articolo del New York Times uscito nel 2003 si intitolava “Iraq chemical arms condemned, but West once (in occasione dell’attacco di Hallabjah, ndr) looked the other way”. è del 1995, invece, l’uso di agenti chimici da parte di attori non statali, e nella fattispecie di gruppi terroristici: nel marzo di questo anno, infatti, la setta religiosa degli Aum Shinrikyo, rilasciò grandi quantità di sarin nella metropolitana di Tokyo, uccidendo 12 persone e ferendone circa 5000. Per questo atto, il fondatore del movimento, Shoko Asahara, fu condannato a morte tramite impiccagione nel 2004, e gli altri autori condannati a morte o all’ergastolo.

L’uso israeliano del fosforo bianco in Libano

Infine, il fosforo bianco, un agente tossico per inalazione o ingestione, che provoca necrosi ossea e ustioni se entra a contatto con l’aria. Il fosforo bianco è stato usato dalle Forze israeliane durante obiettivi militari in Libano nel 2006 e durante l’Operazione Piombo fuso sulla Striscia di Gaza, a cavallo tra il 2008 e il 2009. Come afferma Amnesty International, così come l’indagine avviata dal CS dell’Onu in seguito al bombardamento di una sede dell’Unrwa a Gaza, Israele ha utilizzato missili a base di fosforo bianco, colpendo anche altri obiettivi civili, come l’ospedale al Quds di Gaza.

 

Un pezzo di bomba al fosforo ancora fumante dopo un bombardamento a Beit Lahia,
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s