Libano: annunciata squadra di governo Hariri

(AGI) – Beirut, 18 dic. – E’ arrivato in serata l’atteso annuncio della formazione della nuova squadra di governo, guidata dal premier designato Saad Hariri, leader del movimento ‘Futuro’ e figlio dell’ex primo ministro Rafiq, assassinato nel 2005.

L’assegnazione dei ministeri vede ventidue nuovi ministri (tra cui una donna, Enaya Izz al Deen, del movimento sciita Amal, a cui è andato il ministero dello Sviluppo manageriale) su trenta. Sei sono i ministeri di nuova creazione: il ministero per i Rifugiati, il ministero di Stato per la lotta al Terrorismo, il ministero degli Affari presidenziali, il ministero per gli Affari femminili (all’armeno Jean Aghassapian) e quello i Diritti umani.

I quattro ministeri chiave – quello delle Finanze, degli Esteri, della Difesa e degli Interni – sono stati assegnati nell’ordine a Ali Hassan Khalil (del movimento Amal, confermato nella carica), Gebran Bassil (genero di Aoun, leader del movimento Fpm, il principale partito cristiano maronita fondato da quest’ultimo; anch’egli confermato), Yaacoub Sarraf (deputato greco ortodosso, vicino all’ex presidente Emile Lahoud) e Nouhad Machouk, ex giornalista, del movimento Futuro (anche lui confermato). Ad Hezbollah sono stati assegnati due ministeri: quello dell’Industria ad Hussein Hajj Hassan e quello per le politiche giovanili a Mohammad Fneish.

Hariri è uscito alle 21.30 circa dal palazzo presidenziale di Baabda, dove si era recato nel pomeriggio per annunciare al presidente della Repubblica Michel Aoun i trenta ministeri decisi in questi giorni travagliati, in cui le varie fazioni politiche del Paese si sono scontrate dialetticamente in merito alla loro distribuzione.

“La prima missione di questo nuovo governo è quella di raggiungere con il Parlamento una nuova legge elettorale che rispetti il diritto di rappresentanza e la rappresentanza proporzionale”, ha detto Hariri. Le elezioni parlamentari sono previste per maggio 2017.

Anche Nabih Berri, speaker del Parlamento e leader del movimento sciita Amal, ha partecipato al meeting, al termine del quale Aoun ha controfirmato la nomina di Hariri a primo ministro, oltre ovviamente alle dimissioni del suo predecessore, Tamam Salam. Tutti i principali partiti politici sono stati rappresentati presso i ministeri, ad eccezione del Partito Falangista di Sami Gemayel, che ha rifiutato nei giorni scorsi il ministero che gli era stato offerto. (AGI) lby

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s